5 milioni di utenti registrati e, al 2011, ospita più di 3,5 milioni di file torrent. I torrent sono organizzati in categorie: “Audio”, “Video”, “Applicazioni”, “Giochi”, “Porno” e “Altro”. Normalmente la categoria “Porno” è visibile solo per gli utenti registrati e gli utenti loggati che selezionano l’opzione “mostra torrent pornografici” nella pagina guadagni bitcoin wiki loro impostazioni.

Tuttavia al momento non è necessario con una soluzione, consentendo agli utenti non registrati di cercare il contenuto, ma non navigarci. Gli utenti registrati possono caricare i propri torrent e commentare sui torrent. The Pirate Bay è stato gestito come un’organizzazione separata dall’ottobre 2004. The Pirate Bay è stato coinvolto in una serie di cause, sia come querelante che come imputato. L’accesso al sito fu successivamente ripristinato con messaggio che prendeva in giro l’ingiunzione sulla loro pagina principale. Pirate Bay sono stati condannati a un anno di prigione per complicità nella violazione di diritti d’autore.

Lo ha reso noto un tribunale di Stoccolma. Il tribunale di Stoccolma ha oggi condannato le quattro persone che erano processate per complicità in violazione della legge sul diritto d’autore. Il tribunale ha deciso di condannare ciascuno di loro ad un anno di carcere”, precisa la corte in un comunicato. Il tribunale ha condannato Fredrik Neij, 30 anni, Gottfrid Svartholm, 24 anni e Peter Sunde, 30 anni, fondatori di Pirate Bay, e Carl Lundstrm, 48 anni, accusato di avere investito nel sito.

117 milioni di corone a titolo di mancati guadagni. La condanna è stata conforme alle richieste del procuratore che aveva pronunciato la sua requisitoria il 2 marzo 2009. The Pirate Bay ad alcuni mesi di stop. Stichting Brein nei confronti di Ziggo e XS4ALL di bloccare i domini e gli indirizzi ip di The Pirate Bay, Corte dell’Unione Europea emette una sentenza che stabilisce che: “la fornitura e la gestione di una piattaforma di condivisione online di opere protette quale è The Pirate Bay, possono costituire una violazione del diritto d’autore anche se le opere sono messe online da utenti della piattaforma di condivisione”.

La schermata visibile agli utenti italiani al posto dei contenuti del sito. La mattina del 24 agosto 2009, per ordine della corte svedese, il sito è stato disconnesso. Tuttavia la sera dello stesso giorno il sito è tornato nuovamente online. Instant i risultati di ricerche che riconducono a Pirate Bay.

Il 2 febbraio 2015 il sito si è spostato sul dominio di primo livello . The Pirate Bay non è più accessibile direttamente dall’Italia, utilizzando l’indirizzo principale, dal 10 febbraio 2010. Il Tribunale del Riesame di Bergamo ha revisionato il provvedimento di sequestro dell’agosto 2008. Internet provider italiani, che dovevano inibire gli accessi dall’Italia. L’accesso è stato inibito filtrando tutto il blocco di ip 194.

The Pirate Bay fu ospitato per diversi anni da PRQ, una società con sede in Svezia, di proprietà dei creatori di TPB Gottfrid Svartholm e Fredrik Neij. Di PRQ si dice che fornisce “un servizio di hosting altamente sicuro, dove nessuna domanda viene chiesta ai suoi clienti. 2p libero e legale ma l’anno successivo hanno dovuto rinunciare all’acquisto e ora sono in cerca di un luogo alternativo. Vi è una versione nella sola lingua inglese, ma nel sito sono disponibili versioni non ufficiali del documentario sottotitolate in italiano.

Il 15 Settembre 2017 un gruppo di sviluppatori scoprì tra il codice delle pagine del sito un miner silenzioso, il cui scopo era quello di utilizzare la potenza di calcolo delle CPU dei visitatori per generare la crittovaluta “Monero”, innescando lamenti e sfiducia da parte degli utenti. CPU, andando non solo ad aumentare il consumo energetico, ma anche il calore. The Pirate Bay Moves to . Pirate Bay Back in Sweden’s Calm Waters After . Lo staff del sito ha temporaneamente cambiato i propri indirizzi IP, consentendo ad una parte degli utenti italiani l’accesso al servizio.

Proxy fa da tramite tra “Thepiratebay” e il visitatore senza attuare nessuna modifica. In Rete già vi è mobilitazione per fornire mezzi per aggirare il sigillo digitale. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 29 set 2017 alle 14:00. Bitcoin: cos’è, come funziona, come si acquista, quanto vale e trattamento fiscale – Tasse-Fisco. Varie su Fisco, Tasse, ecc.